Non c’è ricetta che non si possa sperimentare anche a casa

Abbiamo sempre saputo che l’anno della maturità sarebbe stato diverso da tutti gli altri: ricco di emozioni, di nuove sfide e traguardi. Un anno che non avremmo mai dimenticato. Ma nessuno di noi avrebbe immaginato di viverlo in lockdown. Eppure, è ciò che accaduto a noi maturandi del 2020. Lo sconforto iniziale è stato tanto. La paura, dettata dall’incertezza, anche. Sensazioni che hanno accomunato anche i nostri compagni più giovani, coloro che frequentano i primi anni delle superiori. Oggi, però, siamo più ottimisti e positivi. Cosa ci ha fatto cambiare prospettiva? La nostra scuola: iSchool High, la Scuola Superiore di II grado che anche durante l’emergenza Covid-19 ha saputo strutturare un insegnamento dinamico, interdisciplinare e concreto attraverso la tecnologia. Una soluzione che ha favorito anche i colloqui individuali con i docenti

Siamo entrati in classe ogni giorno, con i nostri tablet e pc in dotazione dalla scuola, e abbiamo seguito le lezioni regolarmente, con tanto di test e valutazioni. Nelle ore di Debate gli studenti di seconda linguistico e scienze applicate hanno discusso con ordine e partecipazione, tutti in rete. Tema del dibattito: lo Smart learning. Gli studenti dell’Istituto Alberghiero erano i più preoccupati: temevano che una disciplina così “pratica” avrebbe risentito pesantemente di una didattica esclusivamente digitale. Invece, così non è stato. Non c’è ricetta che non si possa sperimentare anche a casa. L’unico limite? Gli ingredienti. I prof hanno volutamente scelto di utilizzare materie prime di facile reperibilità, così da non creare problemi con la spesa. E una volta trovato tutto il necessario, via di video-lezioni. Del resto, siamo o no la generazione cresciuta con i cooking show alla MasterChef?

Questa attenzione, unita alla capacità di organizzare le attività didattiche in maniera flessibile e al tempo stesso puntuale, ha riguardato non solo l’Alberghiero, ma tutti gli indirizzi di iSchool High. Così, il programma non ne ha risentito e, a dire la verità, neanche la socialità. Anzi. Ci siamo sentiti più uniti. Grazie alle chat, ci siamo scritti di continuo, abbiamo creato un rapporto più umano anche con i docenti, tanto da mettere in programma delle grigliate per quando tutto questo sarà terminato e… ci siamo detti più spesso “ti voglio bene”. È proprio vero che a volte, la distanza, anziché allontanare, avvicina. Grazie iSchool High per averci permesso di vedere tutti i colori di un momento così grigio!

Maggio 27, 2020

ARTICOLI CORRELATI

Una scuola da sempre preparata al futuropuò certamente contare su studenti preparati al fatidico 14 settembre. Ecco qui poche semplici indicazioni pensate per iniziare al sicuro il…..
Un premio per i nostri ragazzi dell’alberghiero: la loro professionalità in cucina e in sala è stata ripagata da Tripadvisor che ha assegnato al ristorante didattico Taste……
OUT OF THE BOX è un invito a muoversi FUORI DAGLI SCHEMI. Situazioni eccezionali, come l’emergenza che ci ha coinvolto, devono necessariamente prevedere soluzioni altrettanto……

Iscriviti alla nostra Newsletter

© 2019 iSchool HIGH. All Rights Reserved.